clicca per info

DOMENICA 11 E MARTEDì 13 FEBBRAIO "CARNEVALE MODUGNESE 2018"

Le sfilate allegoriche del "Carnevale Modugnese" si svolgeranno quest'anno Domenica 11 e Martedì 13 Febbraio. Previsto anche il "III Trofeo Carnevale - Città di Modugno"...

MODUGNO - ELEZIONI POLITICHE: SCRUTATORI SCELTI CON SORTEGGIO TRA DISOCCUPATI E STUDENTI SENZA REDDITO

L'Amministrazione comunale di Modugno rende noto che anche in occasione delle elezioni politiche del 4 marzo 2018 gli scrutatori saranno scelti mediante sorteggio pubblico tra disoccupati e studenti senza reddito. Di seguito i dettagli... ...

MODUGNO: ANCHE LA SCUOLA "DANTE ALIGHIERI" PARTECIPA ALLA FESTA DELLA SCUOLA DIGITALE

Anche la Scuola "Dante Alighieri" di Modugno partecipa alla festa del Piano Nazionale Scuola Digitale promossa dal MIUR per raccontare le esperienze e i temi condotti sotto il segno dell’innovazione...

MODUGNO: SABATO 20 GENNAIO "PALMINA - AMARA TERRA MIA"

Sabato 20 gennaio la Compagnia Teatro Prisma inscena a Modugno, nella Chiesa del Purgatorio in piazza Sedile, lo spettacolo "PALMINA - AMARA TERRA MIA"...

ALESSIO REZZA PREMIATO DAL COMUNE DI MODUGNO

La Città di Modugno ha accolto con tanto calore e affetto domenica 14 Gennaio presso il Comune, Alessio Rezza, giovane modugnese fresco di nomina a Primo Ballerino del Teatro dell'Opera di Roma, traguardo di altissimo rilievo internazio...

IL MODUGNESE ALESSIO REZZA NOMINATO PRIMO BALLERINO AL TEATRO DELL'OPERA DI ROMA

Il modugnese Alessio Rezza è stato nominato, lo scorso 6 Gennaio, Primo Ballerino del Teatro dell' Opera di Roma...

A MODUGNO TORNA "LA BEFANA DELLA SOLIDARIETA' " CON LA SUA V EDIZIONE

Dopo il successo delle prime quattro edizioni, l'Associazione Culturale 70ZERO26 ripropone per il quinto anno consecutivo l’iniziativa benefica e senza scopo di lucro "La Befana della solidarietà". Quest'anno l'i...

MODUGNO: AL COMUNE 13MILA EURO PER INDAGINI ANTISISMICHE NEGLI EDIFICI SCOLASTICI

Il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, ha emanato alcuni giorni fa' un decreto con il quale risultano finanziate per oltre 13mila euro nuove indagini antisismiche in favore di tre scuole del Comune di Mod...

MODUGNO: SI CONCLUDE IL 5 E 6 GENNAIO LA VII EDIZIONE DEL "PRESEPE VIVENTE"

Si conclude il 5 e 6 Gennaio la VII Edizione del "Presepe Vivente" a Modugno, organizzato dai volontari dell'associazione culturale Giovani Tradizioni. Il 6 Gennaio Corteo dei Magi per le strade della città...

  • DOMENICA 11 E MARTEDì 13 FEBBRAIO "CARNEVALE MODUGNESE 2018"

    Venerdì 19 Gennaio 2018 16:33
  • MODUGNO - ELEZIONI POLITICHE: SCRUTATORI SCELTI CON SORTEGGIO TRA DISOCCUPATI E STUDENTI SENZA REDDITO

    Giovedì 18 Gennaio 2018 11:55
  • MODUGNO: ANCHE LA SCUOLA "DANTE ALIGHIERI" PARTECIPA ALLA FESTA DELLA SCUOLA DIGITALE

    Mercoledì 17 Gennaio 2018 17:32
  • MODUGNO: SABATO 20 GENNAIO "PALMINA - AMARA TERRA MIA"

    Martedì 16 Gennaio 2018 17:02
  • ALESSIO REZZA PREMIATO DAL COMUNE DI MODUGNO

    Lunedì 15 Gennaio 2018 12:38
  • IL MODUGNESE ALESSIO REZZA NOMINATO PRIMO BALLERINO AL TEATRO DELL'OPERA DI ROMA

    Mercoledì 10 Gennaio 2018 17:06
  • A MODUGNO TORNA "LA BEFANA DELLA SOLIDARIETA' " CON LA SUA V EDIZIONE

    Lunedì 08 Gennaio 2018 17:00
  • MODUGNO: AL COMUNE 13MILA EURO PER INDAGINI ANTISISMICHE NEGLI EDIFICI SCOLASTICI

    Venerdì 05 Gennaio 2018 15:38
  • MODUGNO: SI CONCLUDE IL 5 E 6 GENNAIO LA VII EDIZIONE DEL "PRESEPE VIVENTE"

    Mercoledì 03 Gennaio 2018 16:37
Home Notizie MODUGNO: IN 10 ANNI EMIGRATI IL 13,36% DEGLI UNDER 30

ALTRE NOTIZIE:     Binetto     Bitetto     Grumo     Sannicandro      Toritto


MODUGNO: IN 10 ANNI EMIGRATI IL 13,36% DEGLI UNDER 30

PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione Online Network    Venerdì 25 Agosto 2017 14:01

La CGIL Puglia ha posto l'accento ieri su alcuni preoccupanti dati relativi all'emigrazione giovanile nella nostra regione. Modugno è la seconda città pugliese in termini di emigrazione giovanile, con un tasso pari al 13,36% in 10 anni...

 

 

20mila giovani trai i 18 ed i 30 anni andati via dalla Puglia dal 2008 ad oggi: questi sono i preoccupanti dati riguardanti l'emigrazione giovanile nella nostra regione negli ultimi 10 anni sui quali ha fatto focus la CGIL Puglia.

La nostra regione "vanta" ben 13 città tra le prime 50 città italiana con maggiore tasso di emigrazione tra gli under 30. Questo è comunque un fenomeno che accomuna tutte le regioni del Mezzogiorno d'Italia.

Modugno è al secondo posto tra le città pugliesi con il maggiore tasso, pari al 13,36%, seconda solo a Molfetta.

"Ci affanniamo a discutere, polemizziamo, ci scontriamo con punti di vista a volte divergenti su tempi e politiche da mettere in campo per lo sviluppo della nostra regione. Ma mentre tutto questo avviene il rischio sempre più forte è che perdiamo il soggetto principale del nostro agire, i giovani. I dati elaborati dall’Istat sono spaventosi. L’emigrazione giovanile rischia di portare a una desertificazione sociale che condannerebbe definitivamente questa regione, e la riflessione vale per l’intero Mezzogiorno. Se non si agisce in fretta, con investimenti pubblici, se non si torna indietro da una strada che attacca il lavoro e i diritti, se non si moltiplicano le iniziative di sostegno all’occupazione giovanile, gli effetti dell’estrema precarizzazione saranno questi”. E’ quanto afferma il segretario generale della Cgil Puglia, Pino Gesmundo, a proposito del dato dei ventimila ventenni emigrati dalle città pugliesi dal 2008 a oggi.
 
Numeri già gravi anche se parziali perché riguardano la fascia di età che va dai 18 ai 30 anni e soltanto le prime cinquanta città italiane”, spiega Gesmundo. Dove in questa speciale graduatoria troviamo tredici città pugliesi se si analizza il dato percentuale, con Molfetta, Modugno, San Severo, Martina Franca, Brindisi, Foggia e Manfredonia che perdono dal 14 al 10 per cento della loro popolazione under 30. Sono tredici invece se si guarda ai valori assoluti, con Taranto terza che ha visto emigrare 3.643 giovani, Bari sesta con 2.971 e Foggia nona con 2.599.
 
Il segretario generale CGIL Puglia chiude poi così: “Per cosa vanno via questi ragazzi lo sappiamo bene. In primis per università di altre regioni che magari per investimenti, servizi e possibilità di lavoro offrono più garanzie. Chi studia nelle nostre università va via per le  scarse opportunità di valorizzazione dei propri percorsi di formazione. Si scappa poi dal poco lavoro che quando c’è è precario, insicuro, non permette di costruire progetti di vita. E quasi sempre presenta zone di grigio, con sottosalario e mancato rispetto di orari e diritti, se non proprio in nero. Dati che dovrebbero allarmare il Governo nazionale, i nostri rappresentanti istituzionali, le controparti sociali. Perché insistere sull’attacco ai diritti, pensare che rendere più deboli i lavoratori avrebbe spinto le imprese a investimenti, ad assumere, sono ricette che si sono rivelate fallimentari. Potrà aumentare di un punto percentuale l’occupazione, ma mentre perdiamo lavoro stabile guadagniamo stagionali, interinali, precari. E non sarà questo a frenare l’emigrazione giovanile, anzi la incentiva. Non sarà questo a garantire la ripresa economica o dei consumi, perché si è all’assurdo che è povero anche chi lavora”.
 
“Insistiamo nel chiedere investimenti che favoriscano la qualità del lavoro, che garantiscano nuova occupazione. Occorre mettere sempre più in connessione percorsi di specializzazione con quelle figure innovative che le aziende richiedono al mercato del lavoro. Fino ad oggi la massa di finanziamenti pubblici è servita alle imprese più per tenere nella fase di crisi che per estendere attività. Ma che futuro possono avere queste stesse aziende senza i giovani? Senza rafforzare la capacità di consumo della popolazione? Eppure ancora vediamo proposte di rinnovi di contratto di settore al ribasso, di salari decurtati, di ulteriore flessibilità che si traduce in precarietà. Il tema dei giovani deve essere centrale, per la Cgil e per la Cgil Puglia lo è, e a settembre partiremo con una campagna di informazione affinché chi svolge lavoro subordinato, parasubordinato o celato da collaborazione sia in grado di conoscere i propri diritti, affrancarsi da sfruttamento e violazioni. Uno su tutti, un tema rimosso, è quello relativo al diritto alla pensione: se i contributi dei nuovi lavori ultra precari rimarranno a questi livelli, non solo i giovani non avranno garantito alcun sostegno in vecchiaia ma si rischia di far saltare la cassa previdenziale per chi il diritto all’assegno pensionistico l’ha già maturato”.

 

Città pugliesi tra le prime 50 per valore percentuale > perdita di giovani 18-30 anni dal 2008
 
Molfetta 14,36%
 
Modugno 13,36%
 
San Severo 12,61%
 
Martina Franca 11,36%
 
Taranto 11,29%
 
Brindisi 10,98%
 
Foggia 10,46%
 
Manfredonia 10,43%
 
Trani 9,91%
 
Bitonto 9,18%
 
Andria 7,86%
 
Barletta 7,4%
 
Bari 6,23%
 
 
Città pugliesi tra le prime 50 per valori assoluti > perdita di giovani 18-30 anni dal 2008
 
Taranto 3.634
 
Bari 2.971
 
Foggia 2.599
 
Brindisi 1.584
 
Molfetta 1.450
 
Andria 1.414
 
San Severo 1.246
 
Barletta 1.206
 
Manfredonia 1.051
 
Bitonto 959
 
Trani 950
 
Martina Franca 950

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti. LA REDAZIONE NON E' RESPONSABILE DEI COMMENTI INSERITI: l'autore si assume tutte le responsabilità sul contenuto del proprio commento. I commenti diffamatori saranno consegnati alle autorità competenti, che potranno risalire agli autori dei messaggi. Per commentare tramite Facebook cliccare sul link al gruppo Facebook "Modugnonline.it" (clicca qui).

 

REDAZIONE ON LINE

alt
alt

Gruppo Grumonline su Facebook

Gruppo Modugnonline su Facebook

 

Community Login

L'iscrizione è GRATUITA!

I nostri lettori

2356459
OggiOggi1883
IeriIeri1805
Questa settimanaQuesta settimana14976
Questo meseQuesto mese51653
TotaleTotale2356459