clicca per info

MODUGNO: 2 ARRESTI PER DETENZIONE DI SOSTANZE STUPEFACENTI

Ieri pomeriggio, a Modugno, i Carabinieri della locale Compagnia hanno tratto in arresto in flagranza per detenzione di sostanze stupefacenti due ventenni residenti in città...

MODUGNO: ABBATTIMENTO DEL "BUBBONE" DEL QUARTIERE CECILIA, VIA AI LAVORI

Ore contate per il cosiddetto "bubbone" del Quartiere Cecilia, un palazzo abusivo di sei piani il cui abbattimento viene chiesto dai cittadini da 50 anni. Da domani 19 Settembre al via i lavori di abbattimento...

MODUGNO: ISTITUITA L'ISOLA ECOLOGICA ITINERANTE

A Modugno parte la sperimentazione del servizio di Isola Ecologica Itinerante. Ecco le zone servite...

CASALE DI BALSIGNANO: FIRMATO PROTOCOLLO D'INTESA PER LA VALORIZZAZIONE

Il Sindaco di Modugno, Nicola Magrone, e il Soprintendente Archeologia Belle Arti e Paesaggio della Città Metropolitana di Bari, Luigi La Rocca, hanno sottoscritto venerdì 30 agosto il Protocollo d'Intesa "per la valorizzazi...

MODUGNO: IL 7 SETTEMBRE "UN ALBERO PER L'AMAZZONIA"

La cittadinanza modugnese è invitata, sabato 7 settembre, nei pressi della scuola di via Imbriani alle ore 10:30. Chi vuole porti un seme, un alberello da piantare per partecipare all'iniziativa "Un albero per l'Amazzonia"...

MODUGNO: VISIBILI A TUTTI I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI EMERSI DURANTE I LAVORI A PALAZZO SANTA CROCE

Si sono concluse le opere per la valorizzazione e la fruizione dei ritrovamenti archeologici emersi a Palazzo Santa Croce (sede del Comune) durante i lavori per la riqualificazione del chiostro dell’ex Monastero da adibire a “Polo Cult...

MODUGNO: TROVATO MORTO IL 52ENNE SCOMPARSO DA ALCUNI GIORNI

Nella serata di ieri il tragico ritrovamento di Biagio, detto Gino, scomparso dal 20 agosto...

MODUGNO: ARRESTATO PRESUNTO BOSS PER TENTATO OMICIDIO

I Carabinieri di Modugno hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per il presunto boss del quartiere San Paolo e capo del clan, ritenuto responsabile di tentato omicidio con l’aggravante del metodo mafioso...

52ENNE SCOMPARSO A MODUGNO: L'APPELLO DEI FAMILIARI PER RITROVARE GINO

E' scomparso da due giorni da Modugno il 52enne Biagio, detto Gino. L' appello dei familiari...

  • MODUGNO: 2 ARRESTI PER DETENZIONE DI SOSTANZE STUPEFACENTI

    Giovedì 19 Settembre 2019 10:59
  • MODUGNO: ABBATTIMENTO DEL "BUBBONE" DEL QUARTIERE CECILIA, VIA AI LAVORI

    Mercoledì 18 Settembre 2019 12:38
  • MODUGNO: ISTITUITA L'ISOLA ECOLOGICA ITINERANTE

    Giovedì 12 Settembre 2019 15:51
  • CASALE DI BALSIGNANO: FIRMATO PROTOCOLLO D'INTESA PER LA VALORIZZAZIONE

    Mercoledì 04 Settembre 2019 15:54
  • MODUGNO: IL 7 SETTEMBRE "UN ALBERO PER L'AMAZZONIA"

    Mercoledì 04 Settembre 2019 15:09
  • MODUGNO: VISIBILI A TUTTI I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI EMERSI DURANTE I LAVORI A PALAZZO SANTA CROCE

    Mercoledì 28 Agosto 2019 16:24
  • MODUGNO: TROVATO MORTO IL 52ENNE SCOMPARSO DA ALCUNI GIORNI

    Venerdì 23 Agosto 2019 08:58
  • MODUGNO: ARRESTATO PRESUNTO BOSS PER TENTATO OMICIDIO

    Giovedì 22 Agosto 2019 15:56
  • 52ENNE SCOMPARSO A MODUGNO: L'APPELLO DEI FAMILIARI PER RITROVARE GINO

    Giovedì 22 Agosto 2019 12:16

modugno-SUPERHERO

Segui Redazione Online Network su Facebook


Home Notizie MODUGNO: ARRESTATO PRESUNTO BOSS PER TENTATO OMICIDIO

ALTRE NOTIZIE:     Binetto     Bitetto     Grumo     Sannicandro      Toritto


Condividi questa pagina sui Social

MODUGNO: ARRESTATO PRESUNTO BOSS PER TENTATO OMICIDIO

PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione Online Network    Giovedì 22 Agosto 2019 15:56

I Carabinieri di Modugno hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per il presunto boss del quartiere San Paolo e capo del clan, ritenuto responsabile di tentato omicidio con l’aggravante del metodo mafioso.

 

 

I Carabinieri della Compagnia di Modugno hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Bari su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di Montani Andrea 55enne, detto “malagnac”, boss del quartiere San Paolo e capo dell’omonimo clan, ritenuto responsabile di tentato omicidio con l’aggravante del metodo mafioso.

Montani Andrea, tornato libero nel 2016 dopo aver scontato 28 anni in carcere per associazione mafiosa (in regime dell’art.41 bis c.d. “carcere duro”),  è ritenuto l’autore materiale del tentato omicidio di Ignazio Gesuito, commesso alla zona Cecilia di Modugno il 5 febbraio del 2018.

In quella circostanza, come documentato dalle immagini di un sistema di videosorveglianza acquisite dai Carabinieri,  due soggetti, con il volto scoperto, entravano in un’area di parcheggio di proprietà e gestita da Gesuito Ignazio. Uno dei due, dopo un breve scambio di parole con Gesuito,  ingaggiava con questi una breve colluttazione e, dopo pochi secondi, estraeva una pistola ed esplodeva contro Gesuito 9 colpi, lasciandolo a terra gravemente ferito e dileguandosi a piedi.

La vittima, a seguito delle ferite riportate nell’agguato, perdeva  l’uso delle gambe.

Le indagini, supportate da attività tecniche e tradizionali, avviate dai Carabinieri della Compagnia di Modugno a seguito del delitto e coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bari, hanno consentito di individuare l’autore del tentato omicidio in Montani Andrea e di stabilire che il movente del delitto è stata la vendetta. Infatti, il figlio di Montani Andrea, che si chiamava Salvatore, era stato ucciso da Ignazio Gesuito il 10 giugno del 2006. In quella data, Gesuito all’interno del proprio negozio di animali, per motivi riguardanti l’acquisto di due cani da parte di Montani Salvatore appena 18enne, ebbe con costui una discussione che si trasformò poi in rapina in suo danno e, facendo uso di una pistola illegalmente detenuta, uccise il giovane. Reo confesso,  Gesuito venne condannato per tale omicidio a  15 anni di carcere.

Montani è stato localizzato dai Carabinieri di Modugno  in Piemonte in quanto agli arresti domiciliari nel Comune di Venaria (TO) per una rapina commessa a Bari nell’estate del 2018.

Ora si  trova ristretto presso il Casa Circondariale di Torino.

 

Fonte: Carabinieri Bari, Sala Stampa

 

 

 

 

 

 

 

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti. LA REDAZIONE NON E' RESPONSABILE DEI COMMENTI INSERITI: l'autore si assume tutte le responsabilità sul contenuto del proprio commento. I commenti diffamatori saranno consegnati alle autorità competenti, che potranno risalire agli autori dei messaggi. Per commentare tramite Facebook cliccare sul link al gruppo Facebook "Modugnonline.it" (clicca qui).

 

REDAZIONE ON LINE

alt
alt

Gruppo Grumonline su Facebook

Gruppo Modugnonline su Facebook

 

Community Login

L'iscrizione è GRATUITA!

I nostri lettori

3823924
OggiOggi1457
IeriIeri2697
Questa settimanaQuesta settimana9319
Questo meseQuesto mese48349
TotaleTotale3823924
Modugnonline.it